Passa ai contenuti principali

85 anni: auguri al Papa! - di Maurizio Zini


Beatissimo Padre,
con sentimenti di profonda riconoscenza mi rivolgo a Vostra Santità Benedetto XVI, che oggi festeggia 85° anni, ricordando con grande onore il ricevimento alla Udienza Generale 2006

e il nostro raduno EASY-RIDER VATICAN MEETING, le Ferrari in Vaticano dello scorso 18 giugno 2006. Salutando oggi Vostra Santità, vogliamo ricordare gli inizi della Easy-Rider World Association fondata dal sottoscritto e con un gruppo di giovani, con la consapevolezza di dover essere uno strumento per una migliore realizzazione e sviluppo della società moderna con il proposito di diffondere la cristianità nella conoscenza dei sistemi di aggregazione giovanile e ampliare la gestione, utilizzo e cura del tempo libero degli individui e proporsi come elemento per la crescita civile, culturale ed economica della popolazione. Sappiamo che il nostro esame di coscienza non può finire qui e nel nostro essere quotidiano, ci riferiamo Beatissimo Padre, ai Suoi numerosi messaggi rivolti ai giovani. Sentiamo il dovere di esprimere la nostra affettuosa riconoscenza, a nome di tutti gli associati EASY-RIDER, augurando a Vostra Santità, di festeggiare con grande serenità questo magnifico giorno e di terminare il percorso Apostolico per la riscoperta dei valori cristiani nel mondo e l’integrazione tra i popoli anche di culture diverse. Chiediamo, con grande umiltà, il conforto della Sua Benedizione Apostolica e vorremmo condividere la Sua incommensurabile quotidiana fatica, per guidarci in questa fase di mancanza dei veri valori CRISTIANI.
Noi cercheremo di ricambiare il Suo sacrificio e il Suo lavoro Apostolico con il più grande affetto di figli devoti.
Con Osservanza.                            


Lettera aperta del Presidente Maurizio Zini della Easy-Rider World Association in occasione del 85° anno del Santo Padre Benedetto XVI.


Il Presidente
Maurizio Zini
www.mauriziozini.com
info@mauriziozini.com

Commenti

Post popolari in questo blog

La scuola è morta . . . ma la classe docente non andrà in Paradiso - di Elio Fragassi

Nei giorni scorsi, mentre ero seduto al tavolo di un bar e all’ombra di un timido sole primaverile, un amico di vecchia data mi ha domandato:  “Anche se sei in pensione, mi sapresti dire perché molti insegnanti vogliono lasciare la scuola”? Mi viene spontanea e immediata la seguente risposta: “Perché la scuola, purtroppo, non è più il luogo deputato alla trasmissione delle conoscenze tra le generazioni e gli insegnanti non sono più né minatori ([1]) né traghettatori di conoscenze ([2])”.
Gli insegnanti si sentono succubi di un potere che li ha prima delegittimati della funzione formatrice e poi espropriati del loro operare trasformandoli in Golem tuttofare attribuendo loro qualità taumaturgiche con le quali risolvere ogni problema del sociale: fumo, droga, violenza, devianze, sesso, alcool, sballo, famiglia, patentino, abbandoni, ed ora anche la verifica di idoneità degli autisti e dei mezzi delle gite scolastiche. Ne discende che gli insegnanti (per lo meno quelli che in questo lavoro cr…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…