Passa ai contenuti principali

La legge: un riferimento certo - di Enrico Maranzana


Si è tenuto a Lecce, a fine maggio, il convegno nazionale su riordino e nuove tecnologie;  Maurizio Tiriticco ha tenuto una relazione in cui ha avanzato alcune idee che meritano di essere analizzate e approfondite.

Non bisogna mai perdere l’insieme” .. “non parliamo più di scuola, è scorretto parlare di scuola” .. “oggi viviamo in una società così complessa in cui la scuola e l’istruzione costituiscono un sistema, un sottosistema del sistema paese. Essenziale la successiva precisazione; Ci sono tre aggettivi molto importanti educativo, istruzione e formazione”: un sistema è un aggregato di elementi, unitario, strutturato, orientato; se non si esplicita la sua finalità, la comprensione, la gestione, il controllo delle sue dinamiche è impossibile. La questione aperta è: cosa deve intendersi per formazione, per educazione, per istruzione?
 “Ricordate nel 2001 si è riformato il titolo 5 della costituzione per cui sono nati due sistemi, uno è il sistema dell’istruzione che è di competenza dello Stato l’altro è il sistema della formazione che è competenza delle regioni. Quando parliamo di questo sistema possiamo dire che l’istruzione è di competenza dello Stato, la formazione è di competenza delle regioni”: si tratta di una proposizione ingannevole in quanto l’art. 117 della costituzione recita: “Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: … istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione dell’istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori produttivi”. L’aggettivo “professionale” limita, ridimensiona e contraddice l’assunto dell’oratore. Il problema del significato di formazione, d’istruzione e di educazione è ancora aperto.
Ciò che unisce la formazione e l’istruzione è l‘educazione .. educazione alla cittadinanza“Istruzione .. la scuola istruisce in determinate discipline”: si tratta d’indicazioni generiche, condizionate da antichi e superati riferimenti.
L’educazione attiene ai processi d’apprendimento che rimandano alle dinamiche comportamentali dei giovani, la formazione si riferisce all’ambiente con cui lo studente interagirà, l’istruzione è la risultante del coordinamento degli insegnamenti, l’agente propulsivo dell’apprendimento.  Per la determinazione del valore dei tre concetti è necessario  specificare  la tipologia del rapporto gerarchico che li unifica:
Ø                 La sequenza  educativo-istruzione-formazione è tipica delle attività etiche, mirate a plasmare i giovani rispetto al modello d’uomo a cui si ispirano. L’insegnamento impartito nei seminari risponde a tale impostazione: i giovani sono da plasmare rispetto alla norma rivelata.
Ø                 Il concatenamento istruzione-formazione-educazione, che ben si intaglia in situazioni statiche, conduce alla professionalizzazione, all’addestramento. L’insegnamento universitario e quello professionale rispondono a tali esigenze: i giovani devono uniformarsi allo stato dell’arte.
Ø                 La progressione  formazione-educazione-istruzione poggia sul presupposto che l’individuo trova la sua identità all’interno della società di cui è parte. Ne discende che l’insegnamento non ha più nei libri di testo l’unico e principale riferimento: la conoscenza è strumentale rispetto alla promozione di capacità e di competenze, i nuovi traguardi dell'istituzione. I giovani avranno successo nella società grazie allo sviluppo e al potenziamento delle loro inclinazioni e delle loro potenzialità.
L’organizzazione scientifica delle scuole, fondamento del vigente sistema di regole, si ispira alla terza successione: sono stati costituiti tre organismi per affrontare le tre funzioni. Il consiglio di istituto sovraintende al rapporto scuola società e “elabora e adotta gli indirizzi generali” e li esprime in termini di competenze generali. Il collegio dei docenti “cura la programmazione dell’azione educativa” definendo i traguardi in termini di capacità e governando il servizio grazie al feed-back. Il consiglio di classe ha la responsabilità dell’istruzione: far convergere tutti gli insegnamenti verso i traguardi indicati dal collegio.
Ne consegue che l’esortazioneparole magiche educazione formazione istruzione  che ciascun insegnante deve avere bene in testa” è da proiettare in questo contesto integrandolo  con la parola progettualità: i docenti partecipano alla vita scolastica sia collegialmente, sia individualmente.

“Terminalità finale è quella dell’esercizio di una vera e propria competenza .. oggi la nuova scuola si fonda proprio su questo: conoscenze – abilità - competenze”. L’art 2 della legge 53/2003 fornisce un’indicazione differente: “È promosso l'apprendimento in tutto l'arco della vita e sono assicurate a tutti pari opportunità di raggiungere elevati livelli culturali e di sviluppare le capacità e le competenze, ATTRAVERSO conoscenze e abilità, generali e specifiche, coerenti con le attitudini e le scelte personali, adeguate all'inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, anche con riguardo alle dimensioni locali, nazionale ed europee”.
La categoria “capacità”, stella polare della progettazione educativa, è stata dimenticata!
“Sulle conoscenze i discorsi sono abbastanza chiari, se dico il teorema di Pitagora li siamo nel mondo della conoscenza”: un approfondimento è necessario. Il riferimento al teorema di Pitagora evoca la sua formulazione che è conclusione e sintesi di un percorso di ricerca. Conoscerlo non implica solo la sua  enunciazione e applicazione, significa anche e sopratutto collocarlo nella storia, percepire il problema generativo, apprezzarne il metodo risolutivo. Le potenzialità educative di questa “occasione matematica” sono figlie dalla ridefinizione del concetto di disciplina. Essa non è da concepire come la rappresentazione del contenuto dei sacri testi; deve essere invece immaginata come una spirale che evolve affrontando problemi nuovi, aggredendoli con rigorosità metodologica, sistematizzando i risultati. Questi costituiscono il trampolino di lancio per la cattura di nuove questioni. Riamando in rete a “Lab. di matematica: Pitagora” che mostra la strumentalità dell’argomento di geometria rispetto alle mete formative/educative dei vigenti programmi della scuola secondaria di primo grado.
  

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…