Passa ai contenuti principali

"Colpa delle stelle" di John Green - di Giulia Bovini

Questo non è' il solito libro che parla di cancro, questo libro racconta le emozioni e le avventure provate da una ragazza che potrebbe morire da un giorno all'altro.
Hazel Grace ha solo 16 anni e ne ha già passate tante, non è felice e sua madre crede sia depressa.
Convinta dai genitori, frequenta un gruppo di supporto per persone sopravvissute al cancro e lo fa insieme al suo amico Isaac (anche lui  ha avuto la malattia). Durante questi incontri conosce Augustus che a causa del tumore ha perso una gamba e porta una protesi. Fin da subito i due si notano e pian piano si innamorano. Durante un periodo poco felice per Hazel, Augustus riesce a portarla ad Amsterdam a conoscere il suo scrittore preferito, l'incontro non è dei migliori perché lo scrittore e' un ubriacone ma la gita ad Amterdam e' bellissima. Augustus purtroppo si ammala ancora e perde le sue forze, Hazel e' disperata perché pensa di non poter vivere senza Augustus ma lui la rincuora e le fa capire che lei ce la farà anche senza di lui.
Augustus muore e Hazel riesce a farsi forza ricordando le sue parole e continua la sua vita .
Il libro mi è' piaciuto tanto, mi piace la delicatezza con cui lo scrittore ha trattato un argomento come questo e quindi ho letto anche un altro libro scritto da lui.
Giulia Magali Bovini

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.