Passa ai contenuti principali

Quel pasticciaccio brutto dello schema-decreto formazione iniziale docenti - di Enrico Maranzana

La valorizzazione sociale e culturale della professione docente è la finalità del decreto ministeriale.
Nell’elenco dei riferimenti normativi iniziali appare:
VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297,
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275,
disposizioni riguardanti l’autonomia delle istituzioni scolastiche e la struttura organizzativa delle scuole (Titolo I).

Le due norme, proiettate sullo schema del decreto, restituiscono: VISTO MA NON CAPITO.

La valorizzazione della professionalità docente implica l’esplicitazione dell’ambito in cui essa è esercitata, ambito il cui prestigio deve essere universalmente riconosciuto, pena l’indifendibilità della professionalità dei lavoratori.

L’ambito traspare dalla legge 107/2015, di cui lo schema di decreto è figlio, che mira a “dar piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche” che “si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione”.

Quale significato hanno “educazione”, “formazione”, “istruzione”?
La gerarchia che struttura le tre categorie influenza il loro significato1?

Il TU 275 scioglie il nodo strutturale:
Il consiglio di circolo e d’istituto gestisce il rapporto scuola-società2:
elabora e adotta gli indirizzi generali” e li esprime sotto forma di competenze generali (traguardi formativi);
delibera i “criteri generali della programmazione educativa” per indirizzare la programmazione scolastica;
Il Collegio dei docentiprogramma l’azione educativa” per disegnare, attuare e controllare itinerari che conducono alla conquista delle competenze generali;
I Consigli di classe predispongono e validano piani di coordinamento e di convergenza degli insegnamenti (istruzione).

L’attività del docente si colloca a valle delle tre funzioni: consiste nell’utilizzo delle potenzialità della disciplina d’appartenenza per contribuire al successo del sistema scolastico. La sua progettazione didattica deve rispettare i vincoli di sistema e lo statuto della disciplina: il docente deve padroneggiare la propria materia e deve individuarne gli aspetti utili e necessari al conseguimento dei traguardi collegialmente determinati.

Lo schema del decreto trascura la visione d’insieme: l’attività docente non ha legami con il conteso . Per accedere all’insegnamento è richiesta la CONOSCENZA della specifica disciplina, LA CONOSCENZA delle discipline antropo-psico-pedagogiche e delle metodologie e tecnologie didattiche, la CONOSCENZA in tutte le discipline facenti parte della classe di concorso.

“Un uomo stolto ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande”.

 -----------------------------------------
1 La sequenza educazione-istruzione-formazione è tipica delle attività etiche, mirate a plasmare i giovani rispetto al modello d’uomo cui s’ispirano. L’insegnamento impartito nei seminari è funzionale a tale visione.
     Il concatenamento istruzione-formazione-educazione, che ben s’intaglia in situazioni statiche, conduce alla professionalizzazione, all’addestramento. L’insegnamento universitario risponde a tali esigenze.
     La progressione formazione-educazione-istruzione poggia sul presupposto che l’individuo trovi la sua identità all’interno della società di cui è parte. Ne discende che l’insegnamento non trovi più nei libri di testo riferimenti certi: la conoscenza è strumentale rispetto alla promozione di capacità e di competenze, i nuovi traguardi dell'istituzione scuola.

2 Il comma 14.4 della legge 107 stabilisce: “Il PTOF è approvato dal Consiglio di Istituto” che rimane l’organo strategico della scuola, con prerogative invariate.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…